• it
  • en
  • de
  • Chi siamo

    La proprietà appartiene alla famiglia Mugnaini dai primi anni 50′, quando Paolo Mugnaini acquistò la fattoria.
    A lui seguì il figlio Alberto che aumentò la superficie di produzione dando all’azienda la forma attuale: 26 ettari di vigneto (di cui 16 con più di trent’anni) e 7000 piante di olivo.
    Dal 2006 la moglie Christiane ed i figli Robin e Lea proseguono il lavoro di Alberto con profonda passione e impegno.
    Da pochi anni la famiglia si sta cimentando in una nuova avventura: la produzione di vino in bottiglia con una propria etichetta.
    Ad ora il duro lavoro di scelta e selezione delle migliori uve ha portato ad una produzione di 7.000 bottiglie annue circa.

    fuga

    La nostra storia

     

    Il corpo centrale dell’azienda è situato poco lontano dal centro storico di Barberino Val d’elsa.
    Tre quarti dell’azienda si trovano sotto la denominazione Chianti Colli Fiorentini ed una piccola parte sotto quella del Chianti Classico.
    L’azienda attualmente sta attraversando un percorso di conversione al biologico volto ad arrivare ad una forma di conduzione biodinamica.
    Da vari anni e’ stato abbandonato l’utilizzo di diserbanti, dando spazio a pratiche agronomiche, come ad esempio l’inerbimento ed il sovescio, volte a preservare la biodiversità, che costituisce uno dei pilastri fondamentali della fertilità e della salute del terreno.
    La fattoria ha radici antiche, situata in una posizione predominante sulla valle che separa Barberino dall’altopiano di Petrognano e San Donnino, dove si ergeva fino ai primi anni del 1200 la leggendaria cittá di Semifonte.


    In origine la collina delle masse veniva attraversata da una strada che collegava la via cassia, la principale strada di Barberino, alla via Francigena passando per il borgo di Semifonte.
    La strada accrebbe d’importanza ed in un primo tempo fù eretta sul punto più alto della collina una piccola cappella, della quale ancora si hanno dei resti all interno della fattoria.
    Questo primo insediamento dette vita ad un corpo piú grande che vi si modellò sopra, diventando uno “Spedale” per i pellegrini gestito da una confraternita di frati. Testimonia il fatto lo stemma tutt’ ora visibile a forma di gruccia, o stampella, posto all ingresso della casa.
    Si hanno anche dei rimandi architettonici che fanno pensare alla presenza di una torre, ipotesi rafforzata dalla posizione strategica della collina, ma ad ora non c’è dato saperlo con certezza perche la furia distruttiva di Firenze, dopo vari anni d assedio, rase al suolo la città di Semifonte e qualsiasi struttura nei dintorni che potesse avere finalitá belliche.

    fattorialemasse-chi-siamo
    © fattorialemasse - all right reserved - impressum - credits